Agnelli a JTV: “Non c’è un solo responsabile. Sui provvedimenti da prendere…”

Da Leggere

Le parole del presidente Andrea Agnelli, intervenuto a Juventus TV, a margine della sconfitta maturata in Israele.

Sulla partita di ieri: “Una serata difficile, che va analizzata nel contesto di un periodo altrettanto difficile. Questo è il momento dell’assunzione delle responsabilità: provo vergogna per quello che è successo e sono arrabbiato, ma il calcio è uno sport di squadra. Si gioca in 11, si perde in 11. Non c’è un solo responsabile, è una questione di gruppo, da questo si deve ripartire, sapendo che ci sono 9 partite in pochi giorni e che c’è una seconda parte di stagione che ci deve vedere protagonisti”.

Sul momento:Abbiamo affrontato squadre che sarebbero state alla nostra portata, e dobbiamo fare una profonda riflessione, sia individuale che di gruppo e chiedere scusa ai tifosi, perché in questo momento non li stiamo rendendo orgogliosi. Faccio fatica a pensare a un cambio in corsa in questa fase: siamo un gruppo di 80/90 persone, che deve avere la capacità di raggrupparsi, mettere in campo le capacità individuali e collettive che questa rosa ha”.

Provvedimenti da adottare: “Per quanto riguarda i provvedimenti, sono decisioni che spettano all’allenatore. Io credo nel rispetto dei ruoli, il mio discorso, lo ripeto, è collettivo. Stiamo vivendo un periodo di alchimia negativa, da cui dobbiamo uscire un passo alla volta, una partita alla volta, per riacquisire personalità e consapevolezza nei nostri mezzi”.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Next Gen, trovato l’accordo per il rinnovo di Gabriele Mulazzi

Dopo l'accordo, arrivato questa mattina, per l'estensione del contratto di Samuel Iling Junior, giungono altre novità sul fronte rinnovi...

Altri Articoli