Trezeguet, nuovo ruolo di direttore sportivo: “Sogno la scrivania bianconera”

Da Leggere

David Trezeguet è pronto a cominciare una nuova carriera come direttore sportivo, dopo aver ottenuto la laurea in Spagna, con l’obiettivo di scoprire nuovi prospetti per il futuro del calcio. L’ex attaccante francese ha parlato ai microfoni di TuttoMercatoWeb, raccontando il suo percorso formativo e trattando il calcio italiano e francese. Riportiamo di seguito le sue dichiarazioni:

SUL NUOVO RUOLO:
Una nuova sfida, entusiasmante.
“Dopo sei anni alla Juventus come ambasciatore ho capito che il mio desiderio era quello di tornare in questo mondo nelle vesti di direttore sportivo. Spero di cominciare presto una nuova avventura. Aspetto una possibilità con tanta voglia e determinazione”.

Il suo modello?
“Beh, ho vissuto il periodo di Luciano Moggi. Dal 2000 al 2006 era il nostro riferimento. Il suo modo di lavorare era molto interessante. Ora però i tempi sono cambiati. Credo che un direttore sportivo debba avere rapporto diretto con allenatore e giocatori. Credo molto nel destino, nel dialogo e nel cercare le soluzioni giuste”.

Da calciatore ha fatto la storia. Quanto aiuterà il background nella sua nuova avventura?
“Il dialogo quando è aperto ti aiuta. Aver giocato ti fa entrare in certi meccanismi e ti fa capire più velocemente cosa succede in campo. Poi ottenendo risultati diventa tutto più interessante. A causa della pandemia bisognerà lavorare molto con i settori giovanili e badare anche alle situazioni economiche. I tempi sono stretti, contano i risultati. Bisogna trovare la sintonia giusta, ma credo molto nel lavoro”.

La scrivania dei sogni, superfluo sottolinearlo, è quella bianconera.
“È la mia storia, ovvio. Ma oggi sono più interessato a fare un mio percorso dove mi daranno la possibilità. Credo molto in questa nuova opportunità”.

Meglio partire dal basso, facendo la gavetta?
“Si. Anche qualche allenatore se non fa la gavetta giusta può avere delle difficoltà. Uno deve imparare con calma. Però se arriva una chiamata importante come fai a dire di no?”.

Punta ad iniziare la sua nuova carriera in Italia?
“Il mio sangue è latino. Italia, Spagna e Francia sono i posti dove mi sono trovato in sintonia. Ma non chiudo a nessuna possibilità”.

SUL CALCIO FRANCESE:
La Nazionale Francese con Mbappé è in buone mani…
“Sta dimostrando tutto il suo grande talento. Dopo Messi e Cristiano Ronaldo ci sono giocatori come lui. È giovane, ha qualità uniche”

Utopia pensare ad una Ligue 1 con altre squadre protagoniste oltre il PSG?
“Il PSG ha fatto investimenti importanti. E poi ci sarà Qatar 2022. Ha un distacco notevole rispetto agli altri, il potere economico è importante e quando puoi fare questi investimenti per la concorrenza diventa più difficile. Però il livello di certi calciatori alza quello di tutto il campionato”.

Manca la Champions League…
“Come Manchester City e Juve, al PSG hanno l’idea di vincere la Champions League. Il Bayern ha dimostrato di essere più competitivo, ma c’è sempre tempo per provarci”.

SUL CALCIO ITALIANO:
Attaccanti in Serie A: su chi punta?
“La coppia Lukaku-Lautaro è quella più importante. Sono due giocatori che hanno segnato tanto, rispondono alle esigenze di Conte. E poi c’è Cristiano che continua a dimostrare la sua volontà e determinazione. Nessuno si aspettava il Milan a certi livelli, però sta dimostrando di essere competitivo. Il livello del campionato si è alzato di tanto, è più divertente”.

La Juve arranca un po’…
“Immaginava che il percorso in Champions fosse diverso. In campionato ha avuto delle difficoltà, ha vinto la Super Coppa, dovrà giocare la finale di Coppa Italia. Entriamo in una fase calda: c’è il derby e poi il Napoli. La Juve deve qualificarsi per la Champions. E poi Pirlo continuerà a lavorare su una squadra che deve migliorare e questo credo sia abbastanza evidente”.

Non solo la Juve. Non c’è nessuna italiana in Champions. Che succede al calcio italiano?
“Bisognerà cambiare la mentalità. Le squadre che puntano in alto a certi livelli non badano più al fattore casa o trasferta. Il calcio italiano pensa a gestire la partita. Questa è la differenza principale rispetto agli altri campionati”.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Thuram: “La Juve è una grande squadra e si riprenderà. Mai dubitare di Allegri”

Presente al Salone del Libro, Lilian Thuram, ex difensore dell Juventus, ha parlato a La Stampa. Di seguito riportate le...

Altri Articoli