Parma-Juve, i commenti dei protagonisti nel post partita

Da Leggere

La Juve cala il poker al Tardini e stende il Parma con una buonissima prestazione che da grande fiducia. A fine gara Pirlo, Buffon e Kulusevski hanno commentato così:

Andrea Pirlo: “Ronaldo era arrabbiato per aver sbagliato il rigore, ma abbiamo avuto pochi giorni per pensarci e ha dimostrato quanto ci tiene a fare gol, meglio ancora se su azione. Non eravamo contenti per il risultato di mercoledì, ma la prestazione era stata buona. Dovevamo riprendere i punti persi con l’Atalanta e l’abbiamo fatto nel migliore dei modi. Serviva una gara di collettivo avevamo bisogno di vincere questa partita e di segnare e ci siamo riusciti, giocando un buon calcio.Siamo in un buon momento, mi piace come aggrediamo gli avversari quando hanno la palla, stiamo crescendo, lo spirito giusto è entrato nella teta dei ragazzi, ma siamo solo all’inizio e dovremo avere questo atteggiamento in ogni gara. McKennie? È un grande incursore e recupera tanti palloni, ma soprattutto è bravissimo a inserirsi negli spazi. Morata? Non siamo sorpresi, sapevamo che è un grande giocatore e quando sta bene può fare qualsiasi cosa”.

Gianluigi Buffon: “Era una partita che dovevamo fare nostra in ogni modo, ora dobbiamo vincere anche la prossima gara in casa e poi cominceranno gli scontri diretti e lì è meglio arrivare appaiati. Penso, inoltre, che il responso del campo nei big match disputati fin qui non sia sempre stato specchio di quello che si è visto in campo. Ora per noi sarà importante inanellare tante prestazioni convincenti, sciorinando un bel gioco, e allora potremo dire di essere la squadra di Andrea Pirlo. Adesso abbiamo ancora qualche alto e basso come è normale che sia, ma quando abbiamo l’alto siamo bravi e belli da vedere. Io cerco sempre di trasmettere qualcosa ai miei compagni, è l’unico modo che conosco per giocare a calcio. Il ritorno a Parma? Quando torno qui ho sempre dentro tanti ricordi”.

Dejan Kulusevski: “Ero molto contento di tornare a Parma, amo questo stadio. Quando giochi devi divertirti e noi collaboriamo molto tra noi, è importante guardare i compagni intorno per cambiare posizione per rendere al meglio. Mi piace molto giocare così, voglio migliorare ancora per aiutare ulteriormente la squadra; il Mister mi lascia tanta libertà e questo mi fa piacere. Il gol? Io quando gioco penso sempre ai gol che voglio segnare e quando succede sono felice“.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Tuttosport- Kostic aspetta la Juve: possibile chiusura nei prossimi giorni

La Juventus deve fare ancora un piccolo sforzo per mettere le mani su Filip Kostic, esterno d'attacco classe 1992...

Altri Articoli