I giovani della Juventus meritano di continuare da titolari anche nel 2023: ecco perchè

Da Leggere

I giovani della Juventus, dopo un avvio di stagione difficile stanno facendo faville. Fagioli e Miretti su tutti, con Iling Jr. sullo sfondo (che peraltro ha attirato su di sé le attenzioni del Bayern Monaco e del Tottenham).

Tra i giovani bianconeri, solo Soulé sembra essere meno pronto degli altri, ma non per questo meno forte. Ricordiamo che la Juventus ha altri giovani molto interessanti in primavera e nell’Under23, come ad esempio Barrenchea.

I giovani della Juventus partono da molto lontano

Possiamo dire che dopo circa 10 anni di lavoro meticoloso sul settore giovanile, i risultati iniziano a vedersi. Tutto ha avuto una svolta quando la dirigenza ha deciso che i giovani della Juventus non dovevano più giocare contro i loro pari età.

I ragazzi dell’under 19, infatti, nella maggior parte sono anagraficamente Under 17 che giocano in un campionato di ragazzi più grandi, e sappiamo quanto a quell’età anche uno o due anni di squilibrio facciano la differenza.

I giovani della jUVENTUS Miretti Juve Primavera

Neanche a dirlo, stessa cosa per l’Under 23 che si trova a giocare in Serie C, contro squadre piene zeppe di giocatori esperti, “vecchie volpi” del calcio che hanno passato tutta la loro carriera nelle serie minori e in Serie C trovano la loro dimensione ideale. Per dei ragazzi di 20 anni non è facile giocare contro giocatori adulti ed esperti.

Infatti i giovani della Juventus hanno avuto difficoltà i primi tempi. L’under 19 così come l’Under 23 hanno avuto periodi di crisi nera proprio per questo motivo, ma come ogni progetto a lungo termine, i risultati si sono iniziati a vedere a lungo andare.

I giovani della Juventus hanno un destino brillante

Fagioli i giovani della Juventus

Voglio azzardarmi a fare qualche previsione. Negli anni ho visto molti giocatori passare dalla primavera bianconera, alcuni anche esordire in prima squadra come Beltrame, Bouy, Masci e molti altri. Un altro giovane interessante era Magnusson, pilastro della primavera tra il 2013 e il 2015.

Di questi giovani si parlava molto bene, poi si sono rivelati giocatori mediocri. Come loro moltissimi altri. Di giovani validi la Juventus non ne sfornava dal 2005, quando De Ceglie, Giovinco e soprattutto Claudio Marchisio facevano il loro esordio tra i professionisti.

Come dicevo, nessuno dei giovani citati sopra mi ha mai fatto pensare “questo è veramente forte”. Cosa che invece è accaduta all’istante la primissima volta che ho visto all’opera Fabio Miretti in prima squadra. Fagioli invece ha avuto un po’ di difficoltà in più nelle prime uscite, poi è riuscito a “venire fuori” anche lui.

Ecco perché mi sento di poter fare questa previsione.
Proprio come ha fatto Claudio Marchisio, Fabio Miretti e Nicolò Fagioli scriveranno la storia della Juventus.

Miretti e Fagioli vengono paragonati a Gavi e Pedri del Barcellona dalla stampa. Alcuni, però, dicono che siano entrambi (soprattutto Miretti) più forti della loro controparte blaugrana. A dirlo per primo è stato Billy Costacurta.

Non dimentichiamo Iling Jr. che ha stupito tutti nelle poche apparizioni prima dell’infortunio, e non dimentichiamo che la Juventus ha giovani interessanti in prestito come De Winter e soprattutto Rovella che sta ben figurando al Monza.

Miretti e Fagioli meritano di chiudere il 2022 da titolari

Miretti i giovani della juventus

Fabio Miretti e Nicolò Fagioli hanno conquistato la titolarità a suon di prestazioni disarmanti. Ma non è solo questo il motivo. Fabio Miretti, Nicolò Fagioli e in parte anche Iling Jr sono stati l’unica luce in un momento in cui la Juventus era l’ombra di sé stessa.

I giovani della Juventus hanno conquistato la titolarità e hanno conquistato il diritto di chiudere l’anno da titolari anche se dovessero tornare gli infortunati.

Quando non c’era nessuno a illuminare la Juventus, ci hanno pensato Miretti e Fagioli a illuminare Madama e i suoi tifosi con le loro giocate e i loro gol.

Sta accadendo quello che dirigenza e tifosi aspettavano da tantissimi anni. Adesso anche la Juventus ha i suoi Pedro e i suoi Busquets. Anche i bianconeri ora possono vantare un settore giovanile del livello del Real Madrid e del Barcellona.

iling jr i giovani della juventus
ALESSANDRIA, ITALY – SEPTEMBER 03: Samuel Iling Junior of Juventus celebrates after scoring a goal during the Serie C match between Juventus Next Gen and Trento at Stadio Giuseppe Moccagatta on September 03, 2022 in Alessandria, Italy. (Photo by Filippo Alfero – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Ora il prossimo passo da fare è far coesistere tra i titolari Miretti e Fagioli con Pogba e gli altri centrocampisti. Far coesistere Iling Jr con Chiesa e Di Maria. Proprio Iling Jr potrebbe rappresentare la soluzione al problema della sostituzione di Cuadrado e Di Maria il prossimo anno.

Staremo a vedere. Ciò che è certo è che i giovani della Juventus meritano di chiudere il 2022 da titolari, così come meritano di continuare da titolari il 2023.

Fagioli Soule Miretti

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Pjanic: “Agnelli resterà vicino alla Juve. Mi piacerebbe tornare da dirigente o allenatore”

In un'intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, l'ex centrocampista della Juventus, Miralem Pjanic, ha commentato le dimissioni da parte del...

Altri Articoli