Danilo: “La Juve ha il DNA per rimettersi in piedi. Vi parlo di CR7 e Kaio Jorge”

Da Leggere

Danilo, dal ritiro della sua Nazionale, ha parlato a Goal Brasile del suo momento tra la selezione brasiliana e la Juventus. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

Rendimento: “Includerei anche gli anni al Porto e ti spiego perché: per la difFcoltà di adattamento che ha un giovane calciatore quando lascia il suo paese per uno diverso, anche se parla portoghese ed e in Portogallo. E un campionato diverso, con clima, gente e tipo di calcio diversi. Includerei in questo gruppo anche gli anni al Porto, un club enorme. Ma naturalmente capisco anche che City, Real e Juventus rappresentano un’importanza diversa nel calcio mondiale.Lo collego sempre alla coerenza del mio lavoro. Sono consapevole del mio ruolo in ciascuna di queste squadre. Sono sicuro di non essere una star o il giocatore che da spettacolo, ma sono consapevole della mia importanza per le squadre, della mia importanza tattica, di quello che rappresento nel gioco dell’equilibrio difensivo, quello che mi diverte di più del calcio oggi e la costruzione di gioco”.

Alex Sandro: “E’ come un fratello, fa parte della mia famiglia, abbiamo creato un’amicizia diversa da qualsiasi altra cosa. Le nostre famiglie sono davvero molto vicine. Siamo grandi amici. E il padrino del mio secondo figlio. Quando sono con i suoi genitori sento quell’energia e mi trattano come un figlio, proprio come i miei genitori trattano lui. Abbiamo creato un’amicizia profonda. Lo apprezzo molto e spero di portarlo con me per il resto della mia vita. Abbiamo profili diversi. E molto introverso, e un tipo molto per le sue, non parla molto. Io sono più comunicativo, mi piace parlare e sono più scherzoso. Andiamo molto d’accordo, ci rispettiamo a vicenda e abbiamo molti trascorsi di vita insieme. In ritiro eravamo sempre insieme nella stessa stanza: prima a Santos poi a Porto. Poi lui e andato alla Juve e ognuno e andato per la sua strada, ma continuavamo a vederci e parlavamo. Poi quando sono arrivato alla Juve, mi ha accolto a braccia aperte. Sono curioso di sapere quante partite abbiamo giocato insieme”.

Kaio Jorge: “E un ragazzo che non avevo visto giocare molto. Molta gente parlava bene di lui. E molto calmo, sereno, laborioso e ha voglia di imparare.Quest’anno non sta avendo tanto spazio, ma ha risposto bene. E un giocatore che tiene bene la palla, ha tecnica ed e sopra la media, ha una tempistica di passaggio molto interessante. Un attaccante non e solo difendere e scaricare la palla. Si tratta anche di sapere tenere palla e di aspettare il movimento per poi ridare la palla. Lui ha tutti i tipi di tempismo. E entrato alla fine di una partita quando la squadra aveva bisogno di lui ed ha tenuto la palla con carattere, non ha perso, ha subito un fallo e ha portato entusiasmo. Sono molto curioso di vederlo giocare di più. Spero che possa adattarsi il più rapidamente possibile alla Juventus, sono sicuro che tutti sarebbero contenti di lui”.

Addio Ronaldo: “Qualsiasi squadra dalla quale se n’e andato, ha sofferto la sua mancanza. Gli anni passano e lui e ancora dominante. I numeri non mentono. Ogni occasione e un gol. Non c’e storia, non ci sono parole. E estremamente competitivo. Ho imparato molto insieme a lui. Mi sono avvicinato molto a lui al Real e alla Juventus ancora di piu, e ancora oggi ci parliamo e ci auguriamo buona fortuna prima delle partite ogni tanto. Si sentirà e si sente la sua mancanza, ma la Juventus ha la capacita e il DNA per rimettersi in piedi, con tanto lavoro e sacrifcio per poter raggiungere le vittorie. E anche Cristiano lo sa”.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Girelli: “Pallone d’Oro? È un sogno, se avessi 15 anni in meno…”

Cristiana Girelli vive un momento di favola, dopo la doppietta in trasferta contro il Sassuolo, fa volare la sua...

Altri Articoli