Buffon a l’Equipe: “Potrei continuare per altri 2-3 anni”

Da Leggere

Il portiere bianconero, intervistato dal quotidiano francese l’Equipe, si racconta dagli esordi fino al suo futuro ritiro, passando per l’esperienza a Parigi con la maglia del PSG.

ESORDIO – Nel lontano 1991 iniziò il percorso di Buffon con la casacca del Parma, ma il suo esordio arrivò nel 1995, alla sola età di 17 anni: 0-0 contro il Milan di Baggio e Weah, “Il coronamento di un sogno” – esclama Buffon – “La pressione non la sentivo, oggi invece la cerco per essere migliore”.

IL PRIMO TROFEO – Con il Parma vinse il suo primo trofeo, la Coppa UEFA contro i francesi del Marsiglia: “Ma fummo anche fortunati perché affrontammo un Marsiglia decimato” – e proprio contro i francesi Gianluigi Buffon si laureò campione del mondo nel 2006, arrivando al secondo posto per il Pallone D’Oro, dietro a Fabio Cannavaro.
Ma ci sono anche parole di rammarico verso l’Europeo perso proprio contro la Francia sei anni prima: “Ma di quella notte non ho un bel ricordo. E’ un evento così grande e importante che ti devasta interiormente, ti aspira ogni goccia di energia, di entusiasmo e leggerezza. La pressione ti divora. Quindi non ho un bel ricordo neanche della festa. Che vinci o perdi ti senti comunque svuotato. Solo dopo con il tempo è diventato un souvenir inestimabile perché ti senti incredibilmente fortunato”.

SCONFITTE – Gigi parla anche della sconfitta di cui va più fiero, la quasi impossibile rimonta contro il Real Madrid (dal 3-0 dell’andata al 1-3 del ritorno): “E’ la partita che dimostra che nulla è impossibile e che la forza degli uomini può rendere possibile l’inimmaginabile. Il risultato non mi interessa”

FRANCIABuffon spiega come la Francia sia il paese che l’ha impedito di dire addio al calcio: “Quasi per scherzo avevo detto al mio agente di chiamarmi solo se arrivavano offerte da Real Madrid, Barcellona o Psg. E tre settimane dopo il Psg ha chiamato”.

FUTURO – L’inizio di un nuovo capitolo, il PSG, segnato da quella maledetta sera contro il Manchester United: nonostante la vittoria all’andata per 2-0, gli inglesi passarono il ritorno anche per causa di un suo errore.
Il suo più grande rammarico però è stato fuori dal campo: “L’errore fu di non rompere le scatole e di mettere pressione i compagni perché non si prendesse alla leggera il ritorno, dopo aver vinto 2-0 all’Old Trafford“.
Il portierone però ora pensa al presente ed al futuro: “Anche se penso ancora al futuro, sapendo serenamente che potrei smettere a giugno. Ma non so ancora cosa succederà, se mi fermo o continuo per due o tre anni. Dipenderà dal mio stato fisico e dalla motivazione”

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Juve, Depay nuovamente proposto ai bianconeri: valutazioni in corso

Nelle scorse ore è stato nuovamente proposto Memphis Depay alla Juventus come riportato da Romeo Agresti in diretta Twitch di Goal...

Altri Articoli