Allegri nel post partita: “Pareggio giusto, i ragazzi stanno giocando più da squadra. Su Aké…”

Da Leggere

Le parole del tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, dopo il pareggio di San Siro, ai microfoni di DAZN: “Stasera è stata una bella partita. Noi arrivavamo da tante partite, stasera era importante per chiudere gennaio nel migliore dei modi e rimanere lì attaccati. In caso di sconfitta saremmo andati a 10 punti e sarebbe stato un vedere più negativo. Negli ultimi 25/30 metri bisogna essere più lucidi nell’ultimo passaggio: sbagliamo la misura nonostante il campo non ha permesso né a noi né a loro. E’ stata una partita combattuta con grandi contrasti. E’ giusto il pari. Noi abbiamo fatto meglio nel secondo tempo, nel primo potevamo sfruttare meglio il campo aperto. Abbiamo affrontato un buon Milan e rimanere a questa distanza è importante. Sono contento perchè i ragazzi stanno giocando più da squadra, capiscono nelle due fasi come gestire la palla in certi momenti. Cercavamo di vincere ma non ci siamo riusciti”.

E’ questa la dimensione della Juve?
Abbiamo ereditato la squadra con Locatelli dentro e un Ronaldo in meno. Non sono cambiate la caratteristiche dei giocatori, i ragazzi sono cresciuti in autostima. Su 12 partite per 8 volte non abbaino subito gol, nelle ultime partite abbiamo fatto quattro gol a Roma, quattro in Coppa Italia. Forse è meglio che metto Landucci in panchina perché quando sono io in panchina quattro gol non si fanno mai. Crescerà la condizione di Dybala, Morata troverà più gol, Kean ci darà una mano. Non bisogna perdere lo spirito di squadra sennò diventiamo presuntuosi e possiamo perdere con chiunque. In questo momento abbiamo recuperato tanti punti, un passettino alla volta. In questo momento, visto come eravamo partiti, sono contento“.

Hai già il piano per arrivare fra le prime quattro?
Stasera è una di quelle partite dove poteva succedere di tutto. Da qui alla fine abbiamo tre bonus da giocarci negli scontri diretti. A febbraio abbiamo il Verona e tre squadre che giocano allo stesso modo: il Verona, l’Atalanta e il Torino. Poi a fine febbraio vedremo“.

Su Rugani:E’ un bravissimo giocatore. Le qualità non le cambi. Ho trovato un giocatore dopo due anni che non aveva quasi mai giocato anche con più serenità e personalità. E’ un giocatore che si mette a disposizione e credo che i giocatori quando hanno fiducia dell’allenatore possono rendere al meglio. Rugani ha fatto una partita, indipendentemente da Chiellini che ha gestito e fatto una grande partita, ha fatto una partita straordinaria. Ha fatto interventi da difensore vero e sono molto contento per lui perché un ragazzo che merita”.

Su Dybala: Ha fatto una buona partita. Ha avuto un problema di gastroenterite meno di De Ligt. Ci ha dato una mano anche se questo campo lo ha un po’ penalizzato come a tutti i giocatori tecnici”.

Provare ad alzare la squadra dopo l’assenza di Chiesa?
Noi ci arriviamo lì vicino, solo che sbagliamo troppo. Federico, a cui faccio un grosso in bocca al lupo, è un giocatore che strappa ed è importante all’interno di una rosa. E’ un giocatore che ci manca. Abbiamo ora Aké che un po’ di caratteristiche da spacca-partita. Abbiamo una rosa importante con questi dobbiamo andare avanti e cercare di ottenere il massimo dei risultati“.

.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Under 23, ufficiale il rinnovo di Garofani fino al 2025

È ufficiale: Giovanni Garofani ha rinnovato il suo contratto con la Juventus. Per il portiere classe 2002 è arrivato l’annuncio del...

Altri Articoli