Seguici su

CALCIOMERCATO

Juventus, il business plan fino al 2027: Champions fissa e taglio dei costi. Non sarà necessario vendere i big

Pubblicato

il

elkann giuntoli ferrero

Nei prossimi tre anni i dirigenti della Juventus avranno un compito molto complicato: rimettere a posto i conti e, allo stesso tempo, far crescere e consolidare la competitività sportiva e il marchio.

Secondo quanto scrive La Gazzetta dello Sport, il percorso e gli obiettivi sono contenuti nel business plan con vista sul 2026-27, che si basa sulla presenza fissa dei bianconeri in Champions League. Senza le coppe, il cui impatto negativo diretto è stato quantificato in complessivi 115 milioni, il bilancio al 30 giugno 2024 chiuderà con una perdita stimata tra 150 e 200 milioni. L’aumento di capitale da 200 milioni serve proprio per fronteggiare i danni delle sanzioni derivanti dalle inchieste sui conti.

La Juventus per l’estate ha pianificato un margine di manovra di qualche decina di milioni per rinforzare la rosa, al netto delle cessioni. La qualificazione al Mondiale per club, non inserita nel business plan, inevitabilmente consolida quel margine. Tutto ciò a due condizioni: un posto nella prossima Champions Leagueil taglio del costo del personale tesserato. Si tratta di continuare il lavoro fatto negli ultimi anni. Dopo essersi liberata dei contratti onerosi dei vari Di Maria, Bonucci e Paredes, la Juventus a giugno dirà addio ad Alex Sandro, senza dimenticare l’imminente interruzione del rapporto con Pogba.

Sarà cruciale la gestione dei giocatori in prestito. Lazio ha l’obbligo di riscatto per Pellegrini e Rovella, mentre De Winter, Soulé, Barrenechea, Kaio Jorge, e Huijsen, attualmente in prestito, rappresentano potenziali incassi da reinvestire o sostituzioni in prima squadra a basso costo. Le maxi-cessioni non sono escluse ma in una logica di opportunità e reinvestimenti: non v’è la necessità in estate di vendere gioielli come Vlahovic.

Nel 2024-25, con Champions League e Mondiale per club, i ricavi caratteristici saliranno ben oltre i 400 milioni, mentre gli stipendi dei tesserati, già in calo a 240-245 milioni nel 2023-24, dovranno scendere ancora: si prevede una forte riduzione del rosso al 30/06/2025. Il costo della rosa – la somma di ingaggi prima squadra/staff tecnico, ammortamenti e commissioni agenti – dovrà essere in linea con lo squad cost ratio dell’Uefa, cioè il 70% delle entrate complessive. Sul lato dei ricavi caratteristici l’aspettativa è di posizionarsi, in media, tra 400 e 430 milioni. I diritti tv cresceranno di qualche punto percentuale, mentre le sponsorizzazioni sono segnalate in leggera contrazione. 

Per la Rosea, nel business plan non viene considerata la monetizzazione dell’attività digitale che ha portato la Juve a essere il primo brand italiano in assoluto sui social, con 165 milioni di follower di cui il 92% stranieri. I proventi del player trading sono previsti in media più bassi dei 70 milioni registrati nel 2022-23.

Collaborazioni: Juventus Planet.
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *