Vlahovic: “Amo il Dna della Juve, il non voler mollare mai. Non vedo l’ora di giocare con Chiesa…”

Da Leggere

Dusan Vlahovic è stato presente al Salone del Libro di Torino, in occasione della presentazione del nuovo lavoro di Guido Vaciago, direttore di Tuttosport“VLAHOVIC Non finisce qui. Così nasce un fenomeno”. Di seguito riportate le parole del serbo.

Basket: “Ringrazio tutti voi che siete qui oggi. Penso che in Serbia da quando siamo piccoli ci mettono sempre la palla in mano. Da quando ero piccolo avevo una voglia di essere sempre in movimento, ho cominciato prima col basket che era la mia prima passione, anche perché nella mia scuola elementare c’era una scuola di basket. Ho fatto due-tre anni di basket, poi giocando con i miei amici a calcio ho deciso di fare quello. Poi mia madre mi ha portato al primo allenamento»”

Juve: “Mi piace il Dna della Juve, di non mollare mai e crederci fino alla fine. Sono anche io un po’ così. Mi piace lavorare, quando smetterò di giocare non vorrò avere rimpianti. Il mio lavoro è un piacere, faccio una cosa che amo. Sono un privilegiato. C’è sempre da fare, anche quando pensi di aver fatto qualcosa di straordinario c’è sempre da migliorare”.

Prandelli: “Non mi piace parlare di me come un campione, c’è ancora da lavorare. Spero un giorno di diventarlo. Mi emoziono sempre a parlare di lui. Mio padre non avrebbe fatto quello che ha fatto lui per me. Lo ringrazio tanto, ci sentiamo spesso. Mi ha spinto avanti, mi ha supportato e lo ringrazierò per tutta la vita. Qualsiasi cosa per lui ci sarò sempre, sono grato. Spero di vederlo presto. Fino ad ora è l’uomo di sport più importante della mia vita”.

Chiesa: “Con Chiesa ho condiviso lo spogliatoio tre anni, ora fortunatamente siamo di nuovo insieme. Lui si è fatto male quando sono arrivato, spero torni il prima possibile. Sappiamo tutti che giocatore è. E’ stato un piacere vederlo, speriamo che in campo ritroveremo la nostra intesa che avevamo a Firenze. Non vedo l’ora di giocare con lui, lottare per questa maglia e vincere insieme”.

Paure: “Nel calcio non ne ho, fa tutto parte del gioco. Dando tutto te stesso verrai ripagato. Le paura nel calcio non le abbiamo, il calcio è divertimento e dobbiamo farlo col sorriso. Nella vita siamo umani. Sono molto legato alla famiglia, non voglio neanche pensare a certe cose. Tutti noi abbiamo dentro qualcosa di profondo. E’ la vita, andiamo sempre avanti col sorriso e guardare in faccia le paure”.

Esordio e gol in Champions: “Può sembrare un cliché, ma quando la gente dice di sognare di giocare la Champions, tutta l’atmosfera è diversa… Non avevo quell’esperienza, non ce l’ho ancora perché ho fatto due partite ma tutta la settimana respiri un’aria diversa. E’ una cosa speciale, ero orgoglioso di me stesso. Ho detto tra me e me ‘ Ci siamo, andiamo avanti, ora non ci possiamo fermare’. Veramente da brividi. Poi il gol segnato è un’emozione, tutti i gol sono importanti. È un’emozione forte, rara, che vorrei provare per tanto tempo e molto spesso. Devo continuare a lavorare più di tutti e speriamo che arriveranno tutte queste partite che speriamo saranno tantissime”.

Stato d’animo: “Sono felicissimo. La mia vita sta andando bene, sono sano, la gente che mi circonda e la famiglia sta bene. Questa è la cosa che conta, l’affetto del pubblico e dei tifosi che mi dà una spinta in più. Quando sei stanco il pubblico ti spinge a fare cose che non puoi neanche immaginare. Sono felicissimo di essere alla Juve, l’ho voluta tanto e spero di raggiungere tanti obiettivi”.

L’italiano: “Sono abbastanza socievole, chiacchierone. Per via del mio carattere ho conosciuto tante persone, anche a Firenze. Sono curioso, quando non capisco una parola chiedo sempre. Spero un giorno di parlare italiano perfettamente”.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

John Elkann: “La Juve ha i mezzi per aumentare il proprio valore, non ha bisogno di nuovo capitale”

"Juventus non ha bisogno di nuovo capitale". Lo ha affermato John Elkann, amministratore delegato di Exor, rispondendo alle domande degli analisti finanziari.  Le sue parole...

Altri Articoli