Paratici: “Chiesa? Migliora giorno per giorno. Ringrazio Allegri per i 5 anni insieme”

Da Leggere

Riepilogo calciomercato estivo: CLICCA QUI

A Calciomercato L’Originale, su Sky Sport, è intervenuto Fabio Paratici, l’ex direttore dell’area tecnica della Juve. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

Kane contro Bonucci e Chiellini: “Mi andrebbe male in ogni caso secondo me. Italia-Inghilterra in finale, dopo 10 giorni che sono qua, non so come reagirebbero i miei colleghi. Kane è un grandissimo giocatore, sono curioso di vederlo all’opera. Un altro anno al Tottenham? E’ l’obiettivo del club. Non vedo l’ora di vederlo giocare dal vivo: ho visto tantissimi attaccanti: Ronaldo, Morata, Higuain, Tevez. Kane è uno dei migliori attaccanti del mondo. È un giocatore speciale perché abbina ad un fisico da vero 9 una tecnica super raffinata. Calcia con i due piedi, fa tanti assist oltre ai gol. Giocatore di squadra e finalizzatore: è tra i primi tre al mondo. Non ho voluto disturbare ancora i giocatori che sono all’Europeo ora, non mi sembrava giusto. Sto sentendo solo Bonucci, per fortuna non sono stati solo miei giocatori ma anche miei amici. Lui, Chiellini e Buffon sono persone speciali per me”.

Sarri voleva Felipe Anderson alla Juve? “No.

Italia-Spagna: “Si affrontano due grandissimi allenatori: Mancini ha dimostrato di esserlo, così come Luis Enrique. Questa è una partita tattica. Secondo me, rispetto a loro, l’Italia ha qualche certezza in più».

Berardi: “Era molto vicino. Sono felice per lui, perché siamo stati in contatto per tre anni quando aveva appena iniziato. È un grandissimo talento, e sarebbe stato un peccato non vederlo a livelli internazionali”.

Chiesa: “Questo è il calcio. Noi siamo sempre stati convinti di Chiesa, anche perché ha un carattere incredibile, una tenacia che lo porta sempre ad allenarsi e migliorare ogni giorno.

Juventus: “Non è cambiato niente un mese dopo. Sono stati 11 anni meravigliosi. Mi porto dietro dei grandissimi ricordi, è stata un’esperienza meravigliosa”.

Caso Suarez “Senza quella storia sarei rimasto alla Juve? No, sono cose che succedono. Poi adesso ci sono degli accertamenti, delle indagini in corso. Piano piano le cose si stanno chiarendo e sono tranquillo. Non credo abbia inciso. È un dispiacere personale vivere queste situazioni ma quando hai questi ruoli capita certe volte”.

La tua permanenza con un ritorno di Allegri: “Questo non lo so, perché non avevamo ancora pensato alla programmazione. Io devo solo ringraziare Allegri per i 5 anni insieme: lo stimo come persona, abbiamo vinto tantissimi titoli e vissuto grandi serate”.

Collaborazione: Juventus Planet

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Buffon: “La Juve gode di ottima salute ed ha un grande portiere. Su un possibile ritorno da dirigente…”

L'ex bandiera e portiere della Juve, Gigi Buffon, parla, intervistato da La Repubblica, dei bianconeri e della possibilità di...

Altri Articoli