Morata: “Sono stato nove ore senza dormire dopo la partita con la Polonia. Abbiamo ricevuto gravi minacce”

Da Leggere

Il centravanti della Spagna e della Juventus Alvaro Morata, intervistato da El Partidazo de Cope, confessa di aver ricevuto gravi minacce dopo il rigore fallito nel match giocato contro la Polonia agli Europei, nonostante fosse arrivata una larga vittoria.

Le sue dichiarazioni: “Sono stato nove ore senza dormire dopo la partita contro la Polonia. Forse non ho fatto il mio lavoro come avrei dovuto. Capisco di essere criticato perché non ho segnato un gol, ma vorrei che le persone si mettessero al posto mio. Ho ricevuto minacce, insulti alla mia famiglia, sperano che i miei figli muoiano. Mi dà fastidio che mia moglie debba vivere ciò e che ai miei figli venga detto di tutto. Il rigore con la Slovacchia? Ho visto che nessuno prendeva la palla, l’ho presa e l’ho calciata. Ho guardato se qualcuno voleva, l’ho calciata e ho fallito. Il mondo non mi è venuto addosso, tutti falliscono“.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Pjanic: “Agnelli resterà vicino alla Juve. Mi piacerebbe tornare da dirigente o allenatore”

In un'intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, l'ex centrocampista della Juventus, Miralem Pjanic, ha commentato le dimissioni da parte del...

Altri Articoli