Morata si racconta: “Amo la Juve. Gol più bello? Ho la foto incorniciata in casa”

Da Leggere

Nel consueto appuntamento con i piccoli Junior Reporter bianconeri, Alvaro Morata ha ripercorso la sua carriera nel mondo del calcio e non solo.

Diventare un calciatore: “Domanda difficile, devi seguire i tuoi sogni e crederci fino alla fine. Nessuno di noi alla Juve si sarebbe immaginato di difendere i colori bianconeri. Per diventare calciatore non c’è una formula segreta: dovrai metterci impegno e fare tanti sacrifici. Dovrai essere fortunato nel tuo percorso di crescita per non avere infortuni e sforzarti tanto”. 

Alla Juventus: “La cosa più bella? La gente che ci lavora. Un club come la Juve ti dà la sensazione di essere in una famiglia. Ci danno una mano in tutto. Questo fa la Juve una squadra così”. 

Percorso settimanale: “Di solito con il percorso della settimana iniziamo in due gruppi diversi: chi ha giocato ha bisogno di recupero, chi no ha bisogno di allenamento. I primi giorni della settimana si lavora sulla corsa, poi la palestra la facciamo sempre prima degli allenamenti per evitare infortuni. Quando iniziano ad avvicinarsi le partite, guardiamo i video con lo staff degli avversari e facciamo le partitine, il momento che più ci piace. Il giorno dopo mettiamo a posto tutte le botte che prendiamo in partita”.

Ritorno alla Juve: “Un’emozione bellissima, incompleta perché quando ero qua non vedevo l’ora di giocare allo stadio con i tifosi e non ho ancora avuto il piacere di riapprezzare quel momento. Spero che possano tornare presto per una vita più normale, condividendo così i nostri momenti con voi”. 

Prime partite: “Ho iniziato a giocare quando ero piccolo. E’ stato mio nonno che mi ha regalato la prima palla a 2 anni. Ho giocato nella scuola a calcetto, poi a 7/8 anni ho iniziato a giocare i campionati con i più grandi. Mi hanno chiamato un po’ di squadre, mia mamma non voleva mandarmi perché pensavo solo al pallone e non alla scuola. Finché non ho passato tutti gli esami mia mamma non mi ha portato all’Atletico, ma dovevo continuare a fare bene nella scuola se no mi buttava fuori. Giocavo nella scuola dove studiavo, ed era proprio attaccato a casa. Mi divertivo tanto, perché vedi tutti i giorni i tuoi compagni di scuola, divertendoti dopo le lezioni. Quando ero piccolo i miei genitori lavoravano. A volte mi portava mio papà, a volte mia mamma, a volte mia sorella e qualche amico. Sarà grato a loro perché senza tutti quei viaggi e sacrifici non sarei mai diventato calciatore”.

Giocatore preferito: “Oggi dico Cristiano Ronaldo, che è il mio compagno e mi piace vederlo durante gli allenamenti. Anche Dybala: è un piacere enorme giocare con loro”.

Cambio ruolo: “Non sono sempre stato centravanti. All’inizio mi piaceva fare il portiere, ma siccome la squadra della scuola era forte mi annoiavo perché non arrivava un pallone. Ho iniziato quindi a giocare davanti, a fare il difensore, ma volevo sempre tirare. Non c’era una posizione più avanti dell’attaccante e lì sono rimasto”

Ricordo: “La semifinale di Champions con il Real Madrid. Era da tanto che la Juve non arrivava in finale e abbiamo vinto allo Stadium e pareggiato al Bernabeu. La finale è invece il ricordo più amaro, siamo arrivati vicini alla vittoria”.

Alla Juventus: “Il massimo. Quando ero piccolo tifavo Atletico Madrid, poi ho scoperto che c’era la Juventus e quando mi hanno chiamato è stato un sogno. Loro hanno puntato su di me quando non giocavo tanto, quando ero giovane. Se oggi sono qua in gran parte è grazie ad un club come la Juventus. Gol o assist? Dipende, anche da come va la partita. È una cosa bellissima far segnare gli altri anche. Io sono amico con chi gioca con me, ed è emozionante far loro degli assist. La mia squadra preferita? La Juve. Spero che l’anno prossimo sia migliore di quest’anno, lavoreremo duro per questo. Arrivare in una big? Quando ero bambino non me lo immaginavo. La cosa più positiva che puoi fare da piccolo è divertirti, senza metterti pressione”.

Momenti difficile: “Ce ne sono tanti. Ricordo la prima volta che mi hanno chiamato in Nazionale. Non me l’aspettavo, è stata un’emozione pazzesca. Un’altra volta, da piccolo, quando ero a scuola mi chiamò il direttore dicendomi di prendere lo zaino e andare al Mondiale con la Nazionale”.

Difensori più forti: “Ne ho incontrati tanti. Quelli con cui ho fatto più fatica sono Chiellini, Barzagli e Bonucci: erano forti singolarmente già, e quando si mettevano insieme diventava impossibile superarli. Me li sono goduti da compagni anche. Sono grandissime persone, e tra i difensori più forti del mondo”.

L’Atletico: “Nonno mi voleva all’Atletico? Sì, questa è una storia che fa ridere. Lui è stratifoso dell’Atletico, mi ha regalato anche la maglietta da piccolo. Era arrabbiato con me quando sono andato al Real, non è mai venuto a vedermi. Quando sono andato in prima squadra all’Atletico, però, gli ho comprato un biglietto per la partita attaccato alla panchina e sembrava quasi l’allenatore”.

Allo stadio: “Emozione incredibile. La prima volta tremavo tutto: giocavo contro il Barcellona, lo ricordo come se fosse ieri. Ero nervoso, la prima palla che ho toccato ho fatto un assist. Guardavo tutte le persone che erano in tribuna, poi mi sono concentrato”.

Gol più bello: “Uno di quelli che mi piace di più, soprattutto per l’esultanza la cui foto ce l’ho ancora a casa, è contro il Manchester City in Champions League. Non stavo facendo una bella partita, avevo un dolore forte alla caviglia e alla fine ho fatto quel gol importante per noi. Nell’esultanza abbiamo fatto la scivolata con Dybala, Cuadrado e Pogba. Ho quella foto incorniciata a casa”.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Juventus, il report odierno: le condizioni di Bernardeschi e Kean

La Juve si è ritrovata questa mattina, all’indomani del pareggio di San Siro al JTC. L’obiettivo ora è il...

Altri Articoli