Miretti: “Pogba? È il modello di tutti noi ragazzi del settore giovanile. Allegri mi da molti consigli…”

Da Leggere

Fabio Miretti, in un’intervista a La Repubblica, si racconta sul suo percorso alla Juventus e in Nazionale. L’Italia proprio oggi affronterà l’Inghilterra nella semifinale dell’Europeo. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

Messi: “L’ho visto dal vivo, Messi. Facevo il raccattapalle, Juve-Barcellona 3-0. Non giocò la sua partita migliore, ma se mi dite di descrivere il modo in cui tocca il pallone, non ci riesco. Poi Neymar e Suarez: sono rimasto incantato“.

Giocare l’Europeo: Per crescere ancora, è un torneo internazionale. Non ho mai nascosto la volontà di esserci e ringrazio la Juve per avermi permesso di partecipare, anche se si disputa al di fuori delle finestre Fifa“.

Juventus Under 23: “Solo giocando si capisce quanto il progetto delle squadre B sia importante. È un percorso graduale verso la prima squadra, la C per intensità e clima non ha niente a che vedere con la Primavera. Trovi avversari più grandi, forti fisicamente, curve piene, colleghi maliziosi. Per sopravvivere ti devi abituare, maturare, non c’è alternativa“.

Allegri: “Consigli sulla fase difensiva e tanto lavoro per imparare bene a smarcarmi senza palla. Questioni tecniche. A farmi accogliere dallo spogliatoio ci hanno pensato Bonucci e Chiellini“.

Famiglia: “Juventina? Da sempre. E amante dello sport. Mia mamma ne ha praticati molti, mio papà è il classico ex calciatore che al bar racconta che, se solo avesse avuto la testa, sarebbe diventato un campione. E con i suoi amici lo prendiamo in giro. Voglio ringraziare i miei per una cosa. Mi hanno sempre sostenuto, ma non sono stati quei genitori che pensavano di avere il figlio fenomeno, caricandolo di pressioni inutili e dannose. Mi hanno insegnato la cultura del lavoro di cui adesso sono sempre più innamorato, grazie anche a Michael Jordan. Ho visto la docu-serie che Netflix gli ha dedicato. Mi motiva riguardarla“.

Modelli e Pavel Nedved: “De Bruyne. Vorrei interpretare il mio ruolo come fa lui. Anche se da piccolo ammiravo Nedved. Lui non lo sa, non gliel’ho detto perché mi imbarazzerebbe. Magari l’ha letto da qualche parte“.

Pogba: “Il modello di tutti noi ragazzi del settore giovanile che andavamo a vederlo allo stadio. Un giovane di una classe immensa che si è imposto subito in prima squadra. Se ami il calcio, non puoi chiedere di più“.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Next Gen, trovato l’accordo per il rinnovo di Gabriele Mulazzi

Dopo l'accordo, arrivato questa mattina, per l'estensione del contratto di Samuel Iling Junior, giungono altre novità sul fronte rinnovi...

Altri Articoli