L’ASL di Torino: “Rrahmani, Lobotka e Zielinski non possono giocare! Con dei nuovi positivi…”

La ventesima giornata di Serie A va in contro ad un enorme caos, dovuto alle troppe positività e alle ASL locali che hanno bloccato alcune squadre. Al centro delle polemiche c’è soprattutto JuventusNapoli, con un focolaio che è scoppiato tra gli azzurri, ma nella giornata di ieri l’ASL Napoli 1 ha permesso a Insigne e compagni di partire verso Torino. Successivamente, però, all’arrivo in città c’è stata la comunicazione da parte dell’ASL Napoli 2 che ha posto in quarantena Rrahmani, Lobotka e Zielinski perché contatti con sole due dosi di vaccino.

Carlo Picco, direttore dell’Asl Torino, ha rilasciato un’intervista a Il Napolista, soffermandosi sulla situazione dei tre azzurri posti in quarantena: Zielinski, Lobotka e Rrahmani, i quali allo stato attuale non sarebbero disponibili per Juve-Napoli.

Situazione: Non sono un poliziotto. I provvedimenti delle Asl devono essere rispettati. Io non li ho neanche visti. Se la partita rientra nel rispetto del provvedimento dell’Asl si può giocare, altrimenti no. Secondo me chi è in quarantena non può giocare. Può lavorare se ha una terza dose, con le tipologie di attenzione indicate, comprese le mascherine, ma non so se si può giocare con le mascherine. È uno scenario nuovo, mai verificato“.

Napoli: Abbiamo avuto qualche contatto, ma io ho ribadito questa cosa: sono provvedimenti fatti dalle Asl nel loro pieno diritto. Il fatto che i provvedimenti delle due Asl siano diversi non mi stupisce, sono aziende diverse e fanno valutazioni diverse. Conta che i provvedimenti vengano rispettati. Se uno è in quarantena deve stare a casa, poi bisogna vedere che tipo di quarantena è. Se è attiva può lavorare, bisogna poi vedere con quali requisiti. Si assume la responsabilità del provvedimento chi lo fa e chi lo applica“.

Comportamento delle Asl: Non siamo mica la polizia di frontiera. Noi abbiamo preso i nostri provvedimenti sul Torino, loro hanno preso provvedimenti diversi. Siamo sempre in Italia: vale quello che ha detto l’autorità sanitaria di Napoli. L’Asl fa i provvedimenti per i propri cittadini. Il provvedimento va rispettato“.

Nuovi positivi: Se emergeranno altri postivi li prenderemo in carico, se saranno registrati in piattaforma entreranno nel nostro circuito e andranno in isolamento. È evidente che se c’è un positivo si attiverà il meccanismo di contact tracing che valuterà ciò che è stato. Se ci saranno positivi si aprirà tutto un altro scenario“.

asl

SPONSOR: Juventus Planet

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Altri Articoli

Exit mobile version