La conferenza stampa di Andrea Piro in vista della partita contro lo Spezia

Da Leggere

Si ritorna in campo, e la Juventus verrà ospitata domani pomeriggio dallo Spezia per la giornata di Serie A Tim.

Dopo il passo falso con il Barcellona, la formazione bianconera cercherà il riscatto in campionato anche dopo gli ultimi due pareggi maturati con Crotone e Verona.

LE PAROLE DI ANDREA PIRLO:

RONALDO – “Il tampone è andato bene, è arrivata la negatività anche del secondo tempo. Cristiano sta bene e partita con la squadra. Non credo che parta dall’inizio, per noi è importante averlo già con la squadra. Titolare? Dico di no“.

DE LIGT – “De Ligt purtroppo deve aspettare ancora un settimana, l’ortopedico ha chiesto ancora una settimana stop. Sta andando tutto bene, fin troppo bene”.

BONUCCI – “Bonucci ci sarà, ieri ha lavorato a parte ma ci sarà”.

CHIELLINI – “Chiellini non è ancora disponibile, sta proseguendo il suo lavoro di recupero e resterà qui”.

RAMSEY – “Qualcuno ha fatto tante partite. Ramsey ad esempio non è ancora al meglio dopo Kiev, altri dovrebbero riposare ma in questo momento devono giocare per forza”.

SPEZIA – «Sarà difficile, giocheremo con una neopromossa che sta facendo bene. Conosco l’allenatore che abbiamo fatto il corso da allenatore insieme. So che tipo di squadra imposta e come vuol far giocare. Dovremo fare una bella partita e portare a casa punti perché è importante per il nostro percorso».

MANCA SOLIDITA’ – «Manca la reattività nel recupero palla. In fase difensiva abbiamo subito meno gol dietro al Napoli. Stiamo proponendo un gioco più offensivo, quindi è normale qualche occasione in più per gli altri. Miglioriamo giorno dopo giorno per trovare l’assetto migliore».

CENTROCAMPO – «Ci vuole l’amalgama tra i giocatori, ci vuole tempo anche per capirsi e trovare le giuste distanze. Sul fatto della riaggressione ci stiamo lavorando, deve scattate nella testa dei giocatori».

QUALCUNO IN ATTACCO CHE DEVE RECUPERARE – «Qualcuno magari deve recuperare un po’, ma anche Ramsey non è al meglio dopo Kiev. E’ un po’ al 50% e lo portiamo via. Gli altri hanno giocato tanto, ci sarebbe qualcuno che deve recuperare ma devono giocare per forza».

CAMBIAMENTO E RISULTATI – «Vanno di pari passo. Su 70 giorni che sono qua ho allenato 22/23 giorni perché gli altri sono stati in Nazionale. Abbiamo avuto poco tempo e non con tutti i giocatori. E’ normale che ci sia qualche cosa non capita al 100%. Siamo contenti non dei risultati ma dell’approccio dei giocatori».

PRESSIONE – «Non sono sorpreso. Lo sono state anche da giocatore, quindi non mi sorprende anzi mi fa venire voglia di fare sempre meglio e di fare ciò che ho in testa. Sono tranquillo, continuerò a fare il mio lavoro».

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Il punto sul mercato della Juventus: scatto per Depay, Kostic in arrivo

I 4 gol incassati dall’Atletico Madrid hanno lanciato un campanello d'allarme in casa Juventus. In attesa della risposta della...

Altri Articoli