Kulusevski: “Lasciare la Juve la scelta migliore. Conte e Allegri completamente diversi.

Da Leggere

Dejan Kulusevski ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport, dove ha fatto un confronto tra il suo periodo alla Juve rispetto a quello attuale al Tottenham, squadra nella quale è approdato a gennaio: “Mentalmente andavo e vado sempre in campo per dare il massimo. Alla Juve, però, non funzionava nonostante mi impegnassi come faccio sempre. Sicuramente alla Juventus non mi sentivo benissimo per vari motivi e quando ti rendi conto che le cose non vanno, poi è difficile invertire la rotta restando nello stesso ambiente. Perciò la scelta di andare via dall’Italia è stata la migliore che potessi fare in quella situazione“.

Su Antonio Conte: “Al Tottenham il mio corpo è cambiato, grazie soprattutto agli esercizi in palestra, in pochissimo tempo. Si lavora tantissimo ogni giorno e meglio di quanto facessi in Italia. Amo come ci alleniamo a Londra e di sicuro il merito è del nostro tecnico: sono felicissimo di giocare per lui“.

Sono un tipo che ama guardare avanti, più che indietro. Di sicuro alla Juventus non mi sentivo benissimo per tanti motivi diversi e quando ti rendi conto che le cose non vanno, e’ difficile invertire la rotta“, continua lo svedese.

Sui suoi due ultimi allenatori: “Non voglio dire che Conte sia meglio di Allegri, perché ho grande rispetto entrambi hanno vinto tanto in carriera, ma il lavoro e l’idea di calcio sono completamente diversi. Al Tottenham, come ho già detto, si fatica molto di più in palestra e i risultati si vedono. Posso dire che dalla Juve agli Spurs mi è cambiato il da cui ne consegue un dato mondo e su Conte va detta una cosa, nessuno ti entra dentro come lui“.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Juventus: “Non condividiamo i rilievi di Deloitte sul bilancio”

Emergono nuovi dettagli in merito all’inchiesta che ha travolto la Juve nell'ultima settimana. I revisori di Deloitte che hanno...

Altri Articoli