Assolto Michele Padovano: “Mi sentivo Pablo Escobar. Ora voglio rivivere”

Da Leggere

Dopo 17 anni, Michele Padovano è stato assolto dalla Corte d’Appello di Torino. L’ex calciatore della Juventus, era stato accusato nel 2006 di essere un finanziatore di un traffico di droga. Ai microfoni del Corriere dello Sport, ha raccontato il suo dramma:

“Non dovrò più svegliarmi pensando che questo terribile equivoco possa continuare e io debba essere costretto alla vergogna per qualcosa che non ho commesso. L’immagine dell’arresto mi ha fatto compagnia ogni sera, quando cercavo di addormentarmi, e ogni mattina, quando mi svegliavo. Mi sentivo Pablo Escobar. In quell’istante, è stata fatta tabula rasa di Michele Padovano: non esistevano i successi, la felicità della finale di Roma contro l’Ajax, i gol al Napoli di Maradona, i suoi complimenti, poi la maglia della sua squadra. Non c’era più niente”. 

“È giusto chiederle se è finalmente felice? La cicatrice sta lì, perché stiamo parlando di diciassette anni bruciati, con conseguenze emotive che lasciano strascichi. Ma sono felice, posso dirlo. Voglio rivivere”, conclude Padovano.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Serie A, squalifica per Adrien Rabiot e Leandro Paredes: le motivazioni del Giudice Sportivo

Attraverso il proprio sito ufficiale, la Lega Serie A ha reso note le decisioni del Giudice Sportivo dopo i...

Altri Articoli