Assemblea Azionisti Juve, il discorso di Andrea Agnelli [VIDEO]

Da Leggere

Il presidente dimissionario della Juventus, Andrea Agnelli, ha tenuto un discorso in occasione dell’assemblea degli azionisti, svoltasi oggi:

Buongiorno a tutti e benvenuti all’assemblea degli azionisti della Juventus. Sono le ore 10 e iniziamo i lavori assembleari.

Farei alcune mie riflessioni più approfondite in occasione dell’assemblea prevista per il 18 di gennaio, che andrà a confermare il nuovo consiglio di amministrazione, ma fin d’ora vorrei fare il mio più grande in bocca al lupo al presidente designato Gianluca Ferrero e all’amministratore delegato designato Maurizio Scanavino, che è qui con noi oggi. 

È evidente che la decisione di rimettere la carica di presidente della Juventus non è stata una decisione facile per me, che oltre ad aver sempre amato i colori di questo Club, mi sono in tutti questi anni impegnato al massimo delle mie possibilità per raggiungere i risultati che abbiamo ottenuto, sia sul campo che fuori dal campo. 

Sono stati anni straordinari, nei quali ho avuto l’onore di presiedere questa Società; tuttavia, è stata una decisione che ho assunto in modo del tutto convinto e in piena serenità. 

La Società è oggi chiamata a difendere la propria posizione nel contesto di alcune iniziative assunte nei suoi confronti e su cui non mi dilungo, perché sono note a tutti i presenti. 

Io personalmente, così come peraltro tutti i componenti del nostro consiglio di amministrazione, sono fermamente convinto che il Club abbia operato bene in questi anni e che i rilievi che sono stati sollevati nei nostri confronti non siano giustificati. 

In ciò siamo confortati anche dalle approfondite analisi condotte in queste ultime settimane da professionisti ed esperti indipendenti che hanno rilasciato appositi pareri a conferma della piena correttezza dell’operato del nostro consiglio

Ciononostante, la Società dovrà continuare nel percorso avviato per tutelare gli interessi del Club e per dimostrare in ogni sede le sue buone e legittime ragioni. 

Per questo motivo, con lo stesso spirito di servizio e di attaccamento a questa nostra Società che hanno animato la mia presidenza, ho ritenuto adesso opportuno fare un passo indietro, per evitare che, ove avessi proseguito nel mio ruolo, si potesse anche solo pensare che le scelte o le azioni che dovranno essere assunte da qui in avanti fossero anche solo in parte condizionate dal mio personale coinvolgimento in alcune delle vicende che la Società si trova a dover affrontare. 

Juventus, quindi, viene prima di tutto e di tutti. Fino alla Fine”.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Juventus, le motivazioni della sentenza: “Illecito grave, ripetuto e prolungato”

 "La Juve ha commesso un illecito disciplinare sportivo, tenuto conto della gravità e della natura ripetuta e prolungata della...

Altri Articoli