Andrea Pirlo presenta Juventus-Barcellona: «La giocheremo a viso aperto».

Da Leggere

Poco più di 24h al big match tra Barcellona e Juventus che si terrà al Camp Nou.

Partita valida per per la chiusura della fase a gironi di Uefa Champions League, con Juventus e Barcellona già qualificati.

LE PAROLE IN CONFERENZA:

LEONARDO BONUCCI:

“Domani deve esserci l’atteggiamento che ci ha portato alla vittoria nel derby. Una squadra aggressiva che sapeva cosa si doveva mettere in campo per arrivare alla vittoria. Mi auguro che il secondo tempo del derby sia l’inizio di un nuovo percorso che è difficile. Domani giochiamo contro una grande squadra, però nel percorso di crescita queste partite sono uno stimolo.

La reazione è stata importante nel secondo tempo di sabato. Purtroppo negli ultimi giorni ci siamo allenati poco, ma abbiamo parlato di tutto e come detto prima ci sono gli ingredienti giusti per una grande partita domani. Con un risultato positivo si accelererebbe il percorso di crescita della squadra.

La Champions ti dà stimoli e vibrazioni diverse dal campionato. Domani abbiamo la possibilità di vincere una partita importante per far crescere l’autostima e la voglia di migliorarci. Domani vedremo la Juve come deve essere quando scende in campo.

Ronaldo contro Messi? Fa piacere far parte di certe pagine. Domani si affronteranno due dei migliori della storia del calcio. Sarà una grande partita con i fari accesi su questi alieni. Messi si ferma con un grande lavoro di squadra, essendo un fuoriclasse da solo può farti vincere le partite. Possiamo però arginare le sue qualità e mettere in risalto quelle di Cristiano. Lo vedo carico, pronto per questa partita, ma la sua voglia di essere fondamentale non la scopriamo oggi. Da quando è arrivato qui è un esempio, chi gli si avvicina cerca di rubare con gli occhi qualche segreto per migliorarsi”

ANDREA PIRLO:

BUFFON – «Gigi si è allenato con noi negli ultimii due giorni, merita un palcoscenico così importante quindi domani potrebbe essere la sua partita. Non credo nella crisi del Barcellona, è una grande squadra».

IMPRESA – «Lo ha nelle corde, dobbiamo crederci, ci sarà da soffrire ma avremo le nostre occasioni da sfruttare. La giocheremo a viso aperto, consapevoli degli errori dell’andata».

RAMSEY – «Sta meglio, sta mettendo forza nelle gambe. E’ intelligente, non sapevo fino a questo punto. Nella partita di domani potrebbe essere molto utile il suo lavoro tra le linee»

CLASSIFICA E CRESCITA – «E’ importante per la crescita, per aumentare l’autostima per far crescere quello che abbiamo dentro. La classifica è importante ma di più quello che mettiamo in campo e ci ritroveremo a fine gara, se faremo una gara importante»

TRA ANDATA E DERBY – «L’andata l’ho vista e rivista, le sconfitte migliorano sicuramente per il futuro. Dobbiamo migliorare la fase di non possesso, stringere le linee di centrocampo e difesa e non farci trovare scoperti tra le linee e farli giocare sugli esterni, dopo poi avremo più tempo per aggredirli. Derby svolta? Non credo ma abbiamo avuto un atteggiamento completamente diverso tra primo e secondo tempo, quello che ha avuto sempre la Juve nel suo DNA, e quello non deve mai mancare in ogni partita».

DIFETTO – «Non mi piace quando qualche giocatore non approccia la partita al 100%, è dato anche dalla stanchezza ma non dovrebbe accadere. Ogni tanto può capitare, c’è la stanchezza delle tante gare e degli spostamenti. Domani sera, in una grande partita, non capiterà».

RABIOT – «Sono molto soddisfatto, è cresciuto molto, non lo conoscevo come ragazzo. Incontrandolo ed avendolo a disposizione ho visto un bravo ragazzo e un grande lavoratore. Può diventare un grandissimo centrocampista a livello mondiale»

MESSI E RONALDO – «Ha ragione Koeman a dire questo, sarebbe sbagliato dire chi è più bravo dell’altro. Si sono condivisi i Palloni d’Oro degli ultimii 15 anni Sono due fenomeni che stanno facendo gioire milioni di tifosi. Bisogna ringraziarli, fanno bene al calcio».

MESSI AL PSG– «Bisognerò chiedere al Barcellona e al Psg, sono cose che lascio volentieri agli altri».

SQUADRE IN DIFFICOLTA’ – «Abbiamo visto che è un periodo dove tanti grandi fanno fatica, penso sia normale perchè i campionati sono finiti l’estate scorsa, i giocatori devono riposare. Ad avere questi problemi sono le grandi squadre con calciatori impegnati in giro per il mondo. Magari dopo Natale si regolarizzerà tutto. Si vede più equilibrio nei campionati, spero anche per noi che le squadre tornino a giocare per quello che sono».

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

John Elkann: “La Juve ha i mezzi per aumentare il proprio valore, non ha bisogno di nuovo capitale”

"Juventus non ha bisogno di nuovo capitale". Lo ha affermato John Elkann, amministratore delegato di Exor, rispondendo alle domande degli analisti finanziari.  Le sue parole...

Altri Articoli