Al Gewiss Stadium si va a mille, ma alla fine è pareggio

Da Leggere

Gara intensa e giocata con tanta qualità da parte di entrambe le squadre, forse la migliore di questo campionato per qualità e ritmi espressi nell’arco di tutti i 90′ minuti. La Juve finalmente crea tanto e dispensa buone trame di gioco con i “tre” davanti che fanno il buono e il cattivo tempo. Aprono gli spazi per gli inserimenti delle mezze ali, vanno in profondità e vengono a giocar tra le linee dialogando tra loro con una buona sintonia, trovandosi e cercandosi. Sprecano anche tanto tuttavia, non finalizzando ottime ripartenze o sbagliando l’ultima giocata decisiva.

La Gara di ieri sera ha dimostrato ancor una volta che i calciatori rendono al meglio se non vengono snaturati in ruoli a loro non consoni. Mckennie ben altra prova ad esempio rispetto a quella di coppa contro il Sassuolo; l’Americano potendo partire da dietro ha più campo per andare e buttarsi nello spazio senza palla, discorso diverso se parte con i piedi sulla linea laterale, non avendo nelle proprie corde l’uno contro uno, o se si trova spalle alla porta nella posizione di trequarti: la Juve, ad oggi, non può non prescindere da questa disposizione tattica, quella vista ieri sera con i tre centrocampisti che danno i giusti equilibri e con i tre davanti liberi di inventare è la via giusta da seguire; Morata e Dybala abili anche in copertura, sacrificandosi sulle proprie catene di gioco che sia quella di sinistra o quella di destra.

La Juve ha imboccato la strada giusta e con una solidità riacquistata da tempo ormai, il problema rimaneva fino a poche settimane fa l’esser propositivi e pericolosi con una certa continuità, affidandosi soprattutto alle giocate dei singoli. La partita contro l’Atalanta ha confermato i progressi e la ventata di entusiasmo arrivata con l’acquisto di Vlahovic.

“Serbo” anche ieri vicino al gol e generoso nei duelli contro i difensori Bergamaschi; unico neo della sua partita è che si era riscontrato anche nelle prime due uscite è la gestione della palla: in alcuni momenti la squadra ha bisogno di “rifiatare” e non sempre si può affrettare o anticipare la giocata. In quei frangenti può e deve tenere su la palla, non cercando subito la giocata di prima ma giocando a piu tocchi aspettando l ‘attimo giusto.

Adesso archiviata la gara di Bergamo testa al derby ed è giusto perseverare perché i presupposti per far bene da qui alla fine ci sono. La Juventus secondo voi può rientrare in gioco per lo scudetto o deve esclusivamente pensare al quarto posto?

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Rabiot da esubero a futuro della Juve, il suo rinnovo non è più un’utopia

Non sono stati solo i due gol siglati nell'ultima giornata di Champions League ad aver fatto cambiare idea alla...

Altri Articoli