Addio al FPF, tutte le novità spiegate dalla UEFA

Da Leggere

La UEFA dice addio al fair play finanziario e dà il via alle nuove modalità di controllo sui conti dei club che partecipano alle competizioni europee. Con una serie di risposte alle FAQ, la stessa confederazione europea spiega tutte le novità. Ecco il testo riportato da TMW.

Perché la UEFA sta cambiando i suoi regolamenti finanziari?
Lo sviluppo, l’introduzione e la continua evoluzione del sistema di licenze dei club e dei regolamenti finanziari rimane uno dei progetti di governance più ambiziosi e di successo della UEFA. Da quando i regolamenti finanziari per i club nelle competizioni UEFA sono stati introdotti per la prima volta nel giugno 2010, c’è stato uno straordinario miglioramento delle finanze dei club europei a tutti i livelli. I debiti scaduti (debiti verso società di calcio, dipendenti, autorità sociali/fiscali e UEFA) sono stati quasi spazzati via. Le finanze del club sono cambiate: nel 2009, le perdite nette in tutta Europa dei club di massima divisione si sono attestate a 1,6 miliardi di euro. Entro il 2018, si è raggiunto un profitto 140 milioni. Ma il COVID-19 ha avuto un impatto negativo sulle finanze dei club data la perdita di ricavi operativi, i costi salariali inflessibili e un crollo dei profitti di trasferimento dei giocatori tale che i club di massima divisione hanno sofferto perdite per 7 miliardi di euro. Erano necessarie nuove soluzioni finanziarie migliorate per affrontare questa nuova realtà e la realtà che il L’industria calcistica europea si è evoluta dal 2010 con una maggiore globalizzazione e tecnologia.

Quali sono gli obiettivi principali della nuova normativa?
I regolamenti garantiranno che tutti i club dovranno essere stabili, solvibili e mantenere i propri costi sotto controllo. Le nuove normative reggono da sole e il nuovo nome di Sostenibilità finanziaria facilmente spiega gli obiettivi della UEFA. Nella stesura dei regolamenti, la UEFA si è consultata con le federazioni nazionali; l’ECA; le leghe europee; FIFPro; associazioni di tifosi; la Commissione Europea; il Parlamento europeo e il Consiglio d’Europa, e tutte le discussioni hanno mostrato una chiara necessità di norme sulla sostenibilità finanziaria.

Come sarà raggiunta la sostenibilità?
Il pacchetto di nuove misure include modi per incoraggiare le squadre di calcio a costruire equità e investire in infrastrutture e sviluppo giovanile a beneficio a lungo termine dei club. Bilanci più forti possono fornire una prima linea di difesa contro la mancanza di entrate. Strettamente allineata all’obiettivo di rafforzamento dei bilanci è la necessità di compiere un passo significativo verso un migliore controllo dei costi.

Il nuovo regolamento ha tre pilastri distinti relativi a regole su tre temi: il mancato rispetto dei debiti scaduti, il guadagno derivante dal calcio e il costo di squadra.
Le modifiche alla regola dei pagamenti non scaduti promuoveranno la protezione dei creditori, garantiranno una migliore solvibilità e tutelare l’integrità delle competizioni. Tutti i debiti verso squadre di calcio, dipendenti, autorità sociali/fiscali e UEFA che attualmente devono essere saldati entro 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre durante la stagione, devono essere regolati da un club entro il 15 luglio, il 15 ottobre e il 15 gennaio. Nel caso in cui un club abbia pagamenti scaduti da più di 90 giorni, l’UEFA Club Financial, l’organismo di controllo, lo considererà un fattore aggravante.

Stabilità e regola dei guadagni derivanti dal calcio.
I nuovi requisiti di stabilità sono un’evoluzione dei requisiti di pareggio esistenti. Per facilitare l’attuazione per i club, il calcolo dei guadagni di calcio è simile al calcolo del risultato di pareggio. Le modifiche al calcolo della deviazione accettabile incoraggiano i contributi di equità piuttosto che il debito. I requisiti sono rafforzati in quanto i costi di un club per investimenti rilevanti(infrastrutture, sviluppo giovanile, ecc.) devono ora essere coperti con equità o contributi esistenti. La deviazione accettabile è aumentata da 30 milioni di euro in tre anni a 60 milioni di euro in tre anni. La deviazione accettabile può essere ulteriormente aumentata oltre i 60 milioni di euro fino a un massimo di 10 milioni di euro, per i club che mostrano una buona salute finanziaria.

Controllo dei costi e regola dei costi di squadra
I nuovi regolamenti vedranno per la prima volta i club soggetti a controlli sui costi di squadra. La regola sul controllo dei costi
limita la spesa per gli stipendi di giocatori e allenatori, i trasferimenti e le commissioni degli agenti al 70% delle entrate del club. (L’attuazione graduale vedrà la percentuale al 90% nel 2023/2024, all’80% nel 2024/2025 e 70% nel 2025/2026). Questo requisito fornisce una misura diretta tra i costi della squadra e le entrate incoraggiare maggiori costi legati alla performance e limitare l’inflazione di mercato dei salari e dei trasferimenti costi dei giocatori. Il processo decisionale durante la stagione delle licenze porrà maggiore enfasi sull’aggiornamento finanziario delle informazioni, inclusa la finestra di mercato estiva prima dell’inizio delle competizioni UEFA per club.

La UEFA sta ammorbidendo la sua posizione sui ricavi dei club e sulle perdite consentite?
Affatto. I club che soddisfano la regola dei guadagni calcistici opereranno in modo finanziariamente sostenibile in base alle proprie entrate. Si segnala inoltre che l’obbligo di contabilizzare le operazioni al fair value è stato prorogato, in quanto tutte le transazioni saranno ora rilevate al fair value indipendentemente dal fatto che avvengano con parte correlata o altra parte.

Cosa succede ai club che non rispetteranno le regole?
Una caratteristica fondamentale dei nuovi regolamenti è che i periodi di rendicontazione riformulati consentiranno alla UEFA di identificare le violazioni man mano che si verificano. Le violazioni del regolamento saranno sanzionate dal Club Financial Control Body (CFCB) secondo
un catalogo di sanzioni elencate nei regolamenti procedurali CFCB.
Sono state rafforzate le sanzioni per debiti scaduti, mentre i requisiti di guadagno del calcio includono la possibilità di accordi transattivi. Le sanzioni per la regola del costo della squadra saranno progressive in base alla gravità della violazione e al numero di violazioni commesse in un periodo di quattro anni.

Quando verranno introdotte le nuove regole?
Le nuove normative entreranno in vigore a giugno 2022. L’attuazione sarà graduale tre anni per dare ai club il tempo necessario per adattarsi.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Sport – Juve, interesse concreto per Jordi Alba

La Juve avrebbe messo nel mirino Jordi Alba, terzino sinistro del Barcellona, per il prossimo mercato di gennaio. L'indiscrezione arriva dal quotidiano iberico...

Altri Articoli