Ibrahimovic: “Calciopoli? Scudetti della Juve, nessuno ce li può togliere. Su Allegri…”

Da Leggere

Zlatan Ibrahimovic intervistato dal Corriere della Sera, ha parlato del suo passato in bianconero e degli scudetti revocati. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

Capello: Capello mi ha insegnato a badare al gol. E mi ha massacrato, di continuo. Un uomo molto duro. Il primo giorno, dopo la conferenza stampa, i festeggiamenti e tutto, entro nello spogliatoio, lui sta leggendo la Gazzetta dello Sport, e io bello gasato gli faccio: “Buongiorno mister!”. Lui non posa il giornale. Resto un quarto d’ora lì, con la Rosea in faccia. Poi Capello si alza, chiude il Gazzettone, e se ne va, senza dirmi una parola. Come se non esistessi“.

Scudetti revocati: Quegli scudetti li abbiamo vinti, e nessuno ce li può togliere. Nessuno può cancellare il sudore, la fatica, la sofferenza, gli infortuni, i gol. Per questo, quando dicono che in carriera ho vinto undici scudetti, li correggo: sono tredici. Moggi era uno che incuteva soggezione, anche se nona me. Come Berlusconi“.

Scontro con Allegri: Avevamo perso 3 a 0 con l’Arsenal, e lui era tutto contento. È vero che avevamo passato il turno, ma non c’era nulla da ridere, e gliel’ho fatto notare. E lui? Mi ha detto: “Tu Ibra pensa a te, che hai fatto cagare”. Gli ho ribattuto che aveva fatto cagare lui: per paura si era portato due portieri in panchina… Allegri è bravissimo a gestire lo spogliatoio, ma doveva avere più coraggio: andare al Real Madrid, misurarsi con l’estero. Invece ha fatto la scelta comoda”.

Ibrahimovic

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Ultime

Alex Sandro: “Rinnovo? Dipende dalla società…”

Il terzino bianconero Alex Sandro, al termine del match contro il Bologna, ha commentato così la prestazione della squadra: "Questa...

Altri Articoli